Rivestimenti con pitture liquide


Rivestimenti anticorrosivi con pitture a base solvente o acqua: Epossidici e derivati, Poliuretanici, Vinil Estere Glass Flake, Resistenti alte temperature, Lining.

Tipologie di Rivestimenti

  • Alimentare

    Trattasi di rivestimenti approvati da normative nazionali/internazionali a base di resine epossidiche all’acqua o resine epossidiche prive di solventi e atossiche adatte al contatto con sostanze alimentari, liquidi, acqua potabile.

  • LINING

    Trattasi di sistemi normalmente applicati per il rivestimento interno di cisterne, serbatoi, recipienti, tubazioni. Si utilizzano pitture di tipo epossidico con/o senza solvente, epossidici novolac, epossidici antifrizione o anche zincante inorganico a seconda della temperatura di esercizio, della pressione di esercizio e del liquido e/o gas che il recipiente è destinato a contenere.

  • Vinil estere glass flake

    E' un tipo di rivestimento rinforzato con scaglie di vetro che presenta notevole resistenza chimica anche in atmosfere acide. E' applicabile ad alti spessori. Può essere utilizzato per rivestimenti di superfici interne, esterne o immerse.

  • Off-shore

    Trattasi di sistemi di rivestimento a base di zincanti, epossidici e poliuretanici/polisiloxanici, adatti a categorie di corrosione molto elevata, poiché le superfici metalliche dei manufatti rivestiti sono normalmente esposte ad elevata salinità e temperature di esercizio solitamente inferiori ai 120°C

  • On-shore

    In questo caso, i sistemi di rivestimento a base di zincanti, epossidici e derivati, poliuretanici, polisiloxanici possono variare da categorie di corrosione media fino a molto elevata, in aree costiere o industriali con atmosfera aggressiva e/o umida e temperature di esercizio solitamente inferiori ai 120°C

  • Sub sea

    Trattasi di rivestimenti epossidici con temperature di esercizio normalmente inferiori a 90°C idonei ad immersione e applicati a più strati ad alto spessore.

  • Resistente alte temperature

    Quando le temperature di esercizio superano i 120°C si ricorre a rivestimenti di tipo epossi-fenolico. Per temperature ancora più elevate > 150°C si impiegano sistemi di rivestimento a base di zincante inorganico e/o siliconiche.